after all this time

di notte penso le frasi più belle ma al mattino le dimentico: non è giusto!

con un po’ di forza, sono ritornata nella “norma”

esagerato dire norma, è sempre troppo, per me.

Coraggiosamente, ho riletto i versi che ho scritto qualche mese fa:

ho pianto, davvero tanto, per tutto quello che ho patito, per tutto il dolore che ha dato forma alle mie parole più belle

che non sembrano nemmeno scritte da me.

Per tutti i versi spezzati, ermetici, come il mio animo:

turbato, leso, a pezzi. Difficile da ricomporre.

Non l’ho ricomposto: mi sono adattata.

Nel dolore e nella consapevolezza che non sarò mai in grado di corrispondere all’idea che ho di me che vorrei m’appartenesse.

E cerco di non pensarci ma, poi, guardo le foto di qualche mese fa e provo nostalgia

ma nostalgia di cosa?

Del tempo bruciato, dell’animo lacerato o del mio corpo scombinato?

Devo cercare di non guardare indietro

non ripensare a quel tempo che non mi apparteneva

che mi stava divorando

come tutto ciò che mi circondava

a cui ho dovuto dare un freno, perché i segni stavano iniziando a marcare la mia pelle

fino a che ho visto fino a dove ero potuta arrivare.

e sono crollata, di nuovo, in lacrime

con la paura di non riuscire più a riprendermi.

L’autocontrollo: ecco cosa mi manca.

Quel potere che avevo su di me e che mi rendeva padrona di me stessa.

Ma a che prezzo?

large (1).jpg

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...